[this article is available in italian only]

Sommando le indicazioni previste dai due Dpcm approvati dal governo, quello dell’11 marzo e quello ancora di ieri, sono complessivamente oltre 800 mila, il 39,9%, le imprese rimaste aperte, sul totale delle imprese monitorate a livello nazionale.

In Lombardia sono oltre 155 mila quelle considerate essenziali e dunque rimaste aperte, ovvero circa il 38,8%. A cimentarsi nel complesso calcolo teorico relativo all’elenco dei codici Ateco delle attività ritenute essenziali è uno studio congiunto Ires ed OpenCorporation.

Continua a leggere su La Voce Del Trentino


lunedì, 23 marzo 2020